Roma, il mercato immobiliare in zone suburbane : compravendite e locazioni dal 2006 al 2020

Una analisi sullo storico dei valori massimi di compravendita e affitto delle abitazioni civili in zona suburbana elaborata su banca dati OMI da Enrico Puccini e Federico Tomassi.

L’analisi è stata svolta su 10 zone considerate significative e comprende la fascia temporale dal 2006 fino al 2020, incluso il secondo semestre. Si è partiti dal 2006 perchè è l’anno in cui l’Omi, l’Osservatorio sul Mercato Immobiliare della Agenzia delle Entrate, ha iniziato a catalogare i dati a livello informatico. Nel 2014 l’Omi ha ridefinito i limiti di alcune zone pertanto alcune variazioni in quell’anno potrebbero essere determinate dalla mancata corrispondenza fra aree omogenee.
Le aree Omi sono visualizzabili e i perimetri sono scaricabili al seguente link: https://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/geopoi_omi/index.php

Le zone considerate sono:
Zona 2014 Fascia Quartiere
E3 Suburbana TORRE MAURA (VIA WALTER TOBAGI)
E15 Suburbana TORRE ANGELA (VIA DEL TORRACCIO DI TORRENOVA)
E27 Suburbana LABARO (VIA GEMONA DEL FRIULI)
E28 Suburbana TORRE GAIA-VILLAGGIO BREDA (VIA DI GROTTE CELONI)
E34 Suburbana OSTIA (VIA DELLE BALENIERE)
E42 Suburbana SERPENTARA (VIALE LINA CAVALIERI)
E53 Suburbana PONTE DI NONA (VIA LUIGI GASTINELLI)
E138 Suburbana TOR BELLA MONACA PEEP (VIA DELL`ARCHEOLOGIA)
E147 Suburbana GREGNA SANT`ANDREA (VIA PIETRO CROSTAROSA)
E141 Suburbana CINECITTA` EST (VIALE ANTONIO CIAMARRA)

Le quotazioni sono state messe in relazione con le principali crisi economiche: la crisi dei mutui subprime del 2008, la crisi del debito sovrano del 2011, e il lock-down determinato dalla pandemia Covid-19 di marzo 2020.

Rispondi