Mancano i fondi per le politiche della casa a Roma?

Il problema casa a Roma sembra essere insormontabile, 10 mila famiglie in attesa della casa popolare, migliaia in emergenza abitativa, e anche per coloro che finalmente riescono a raggiungere il traguardo ottenendo l’assegnazione dell’alloggio pubblico non si presentano certo condizioni di vita facile: la maggior parte dei quartieri erp hanno condizioni sia manutentive che sociali problematiche. Ad aggravare la situazione una crisi stringente che dal 2007 imperversa e che ha come inesorabile ricaduta ha la carenza di fondi nel settore. Di fronte a tutto questo non rimarrebbe che arrendersi eppure questa fase storica potrebbe veramente rappresentare il punto di svolta nel settore. Due sono i fattori che potrebbero finalmente concorrere ad un definitivo cambio di passo: il primo un nuovo approccio alla materia, il secondo l’uso intelligente delle risorse in campo.
Sul primo avremmo modo di discuterne più avanti sul secondo, occorre fare un utile approfondimento per poter rispondere ad una semplice domanda: mancano i fondi per le politiche abitative a Roma? La risposta è no. Ma analizziamo la situazione al dettaglio poiché fra delibere, trasferimenti e quant’altro a volte anche per un addetto ai lavori è difficile avere un quadro chiaro della situazione. Il punto di principio da cui bisogna partire è che i fondi risparmiati o derivati dal settore casa siano reinvestiti in questo settore. Questo semplice assunto, sancito anche da diverse leggi, e basato su presupposti logici “elementari” sembrerebbe lapalissiano tuttavia, per impellenti necessità, spesso i fondi vengono dirottati per altro. Ma facciamo un rapido riassunto della situazione attuale per capire qual è lo stato dell’arte a Roma.
Innanzi tutto partiamo dall’annosa questione dei residence. La Giunta Marino con delibera 368/13 ne sanciva la chiusura e dirottava le persone in emergenza abitativa verso il più economico, ed anche più inclusivo, sistema del Buono Casa. Le famiglie non sarebbero più state costrette a vivere in quelle costose e decadenti strutture ma avrebbero potuto scegliersi un alloggio sul mercato privato degli affitti a carico del Comune. La spesa corrente era allora di 42 milioni di euro mentre oggi si è arrivati a 28 milioni con un risparmio netto di 14 milioni all’anno 1(i risparmi dalla chiusura dei residence). 14 milioni derivati dalla razionalizzazione della spesa che, secondo le intenzioni della Giunta Marino, sarebbero dovuti essere investiti per nuovi e più efficaci strumenti di contrasto per l’emergenza abitativa. Dove sono finiti? Questo non è dato sapere…
A questi bisogna aggiungere i 12 milioni di euro, sempre richiesti dalla Giunta Marino, per l’emergenza abitativa alla regione Lazio. Fondi destinati dall’allora Assessora Danese ad un bando per alloggi, andato deserto 2 (la prima gara deserta), e riutilizzati dalla nuova Assessora Castiglione per un bando per alloggi, andato deserto 3 (la seconda gara deserta). Attualmente giacciono inutilizzati nelle casse del Comune, dal 2015. Nel 2014 la Regione Lazio, data la difficile situazione in cui si trovava la Capitale, approntò un Piano Straordinario per l’emergenza abitativa di Roma che trasferiva 197 milioni di euro. Di questi i primi 40 Milioni sono stati trasferiti a giugno 2016 e ovviamente giacciono inutilizzati 4 (40 milioni). Come se questo non bastasse dobbiamo considerare i fondi che la Regione, attraverso l’Ater ha recentemente trasferito al comune come imposta IMU sulle case popolari. Strano ma vero le case popolari della regione seppur utilizzate per fini sociali versano al comune una tassa di proprietà, ed essendo 46 mila a parte una tutte come seconda casa, quindi con aliquote molto alte. Una questione a lungo dibattuta e controversa, di cui parleremo altrove, ma che si è recentemente risolta con l’addebito dei primi pagamenti. Una prima trance di 68 milioni è stata versata a luglio 2016 5 (il primo trasferimento IMU) e una seconda, parziale, di 32 milioni a ottobre 2017 6 (il secondo trasferimento IMU). In totale 100 milioni di euro già trasferiti e che essendo fondi derivati dalle case popolari sarebbe, come dicevamo in premessa, almeno corretto reinvestire nel settore. Ora tiriamo le somme: 14 milioni del risparmio dei residence, 12 dei fondi regionali non spesi, 40 della delibera Regionale per l’emergenza casa e 100 del trasferimento IMU. A questi vanno aggiunti 46 milioni di euro stanziati dalla legge 80/2014, fondi destinati alla ristrutturazione degli alloggi erp che non si è riuscito a spendere per difficoltà procedurali 7 (fondi per la ristrutturazione dell’erp). In totale arriviamo alla riguardevole cifra di 212 milioni, fondi già in cassa. Se a questi aggiungiamo gli altri 157 milioni della seconda trance della delibera regionale otteniamo 369 milioni di euro in totale. Immaginate non solo per il settore casa e per i nuclei fragili ma per l’intero comparto produttivo cosa può rappresentare la disponibilità di una simile cifra per Roma. In conclusione anche quello della carenza di fondi è un falso mito, l’unica carenza che realmente si avverte è quella di una strategia, di idee e di una politica per la casa.
Provenienza Data Milioni di euro
Risparmi chiusura residence 2016 14
Fondi regionali emergenza 2015 12
Fondi regionali emergenza (I trance) 2017 40
IMU alloggi erp della Regione (I trance di 197) 2017 68
IMU alloggi erp della Regione (II trance) 2017 32
Legge 80 per la ristrutturazione erp 2015 46
TOTALE (già in cassa) 212
Fondi regionali emergenza (II trance di 197) 157
TOTALE (trasferito e da trasferire) 369

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...